You are hereCommissione sui rifiuti aperta al confronto con i cittadini

Commissione sui rifiuti aperta al confronto con i cittadini


Commissione sui rifiuti aperta al confronto con i cittadini

Una trentina di cittadini hanno assistito alla prima Commissione aperta al pubblico dedicata in questo caso al tema dei rifiuti. Iniziativa nata su richiesta del Presidente di Commissione Tamara Imbaglione  e che aveva fra gli ordini del giorno anche questioni legate al nuovo centro di raccolta di Cosea inaugurato due settimane fa.

Dopo la proiezione del trailer del film Trashed, che sarà in programmazione nei prossimi giorni al Cinema Vittoria, ha preso la parola il Sindaco di Sasso Marconi che ha raccontato il percorso che ha portato il suo comune ad incrementare in sette anni la raccolta differenziata, passando dal 16% del 2007 al 77% di oggi. Un'esperienza unica suddivisa in fasi che hanno visto la stretta collaborazione fra comune e cittadini. Il rappresentante di Cosea ha invece riassunto i punti salienti del sistema di raccolta ed i piani per il futuro anche in virtù del nuovo centro.

L'Assessore all'ambiente Rocca ha ricordato che a breve vedrà la luce il progetto del mercatino del riuso proprio all'interno della stazione ecologica.

L'intervento del Sindaco di Monghidoro Alessandro Ferretti è stato incentrato sull'esperienza del suo Comune e sulla molta strada ancora da percorrere in tema di raccolta differenziata. 

A seguire l'intervento del Sindaco Patrzia Carpani che ha confermato l'obiettivo che si è data questa amministrazione di raggiungere almeno il 65% di differenziata entro il 2016 . A breve ne verranno esposte le linee guida.

Il Consigliere del Movimento 5 Stelle Danilo Zappaterra, ha ricordato che un serio piano sui rifiuti deve obbligatoriamente intraprendere la strada della raccolta differenziata e della riduzione dei rifiuti (il miglior rifiuto è quello che non si produce). Domande dalla Consigliera Francesca Baccolini sulle modalità di raccolta, compostaggio e sull'orario del centro.

 

Molto difficile riassumere in breve una serata  interessante che ha fornito tanti spunti di riflessione . Bene ha quindi fatto la Presidente di Commissione a volere fortemente questa serata che ha dato modo ai cittadini di partecipare  e seguire i lavori  della Commissione. L'augurio è sempre che su temi così importanti non si lasci spazio ad  inutili  polemiche e che dai rispettivi ruoli, si lavori per un obiettivo comune.

Ricordiamo che le Commissioni sono sempre aperte al pubblico e gli incontri verranno pubblicizzati attrraverso i soliti canali di diffusione.

ottobre 2014

 

 

Pubblicato il : 
Vota l'articolo
Aggiungo che sono state poste domande all'Assessore e a Cosea circa la possibilità di inserire un sistema di pesatura dei rifiuti conferiti al Centro di Raccolta, attualmente non previsto. Questo permetterebbe di registrare quali cittadini conferiscono rifiuti e premiare i più virtuosi con piccoli sconti come forma di incentivo a non abbandonare i rifiuti. Ad esempio a San Lazzaro il materiale conferito viene "valorizzato" tramite un totem che attribuisce un peso al materiale conferito e lo registra tramite la tessera sanitaria/codice fiscale del cittadino. Sulla base di questi conferimenti ogni anno viene stilata una classifica di utenti residenziali e industriali/commercio (separatamente) per attribuire un "premio" ai più virtuosi, che consiste in uno sconto progressivo (3 fasce)sulla TARI, indicato in bolletta: per i residenziali 45-30-15 euro e 90-60-30 euro per industriali/commercio, a seconda di quanto sono stati virtuosi. Quest'anno sono stati premiati 425 utenti residenziali e 55 industriali/commercio per un totale di circa 11.000 €.
Oggi per la prima volta sono andato al Centro di Raccolta e ho potuto così verificarne la fruibilità. Salta immediatamente all'occhio lo strano Stop all'ingresso e quello all'uscita ma la cosa che più colpisce è che la postazione del "responsabile" è al di sotto del piano di scarico La procedura prevede che l'utente debba prima passare dal responsabile poi venga "guidato" ad un corretto scarico dei vari materiali ma per fare questo deve fare inversione e risalire la rampa di accesso per poi fare una curva secca e accedere ai container poi dovrebbe raggiungere la rotonda in fondo piazzale, girarsi e tornare verso l'uscita. Spero che l'utente non debba poi tornare alla postazione per ritirare e firmare il foglio dei quantitativi di materiale depositato. Non si capisce perchè non si sia mantenuto il percorso precedente che permetteva una ottima fruizione del centro con la postazione del responsabile all'ingresso della stazione e la possibilità di girare in torno ai container senza tante inversioni e manovre.
durante la serata sono state fatte alcune affermazioni che mi hanno lasciato dei dubbi. 1) Il presidente di COSEA non sembra favorevole alla raccolta porta a porta in quanto i comuni montani hanno una scarsa densità abitativa e questo farebbe lievitare i costi ma il sindaco di Sasso la fa da alcuni anni con risultati eccellenti e non credo ci siano grandi differenze di territorio e densità 2) la quota pro capite annua di rifiuti smaltiti e di Kg. 560. Una esagerazione soprattutto se teniamo conto che il 30% è composto da sfalci e potature e il 15% da pietriccio cioè se raccogliessimo separatamente questa due cose potremmo abbattere i rifiuti e presumibilmente anche le tariffe.Inoltre il costo dello smaltimento è di 13 euro al quintale mentre ho saputo che ci sono centri di raccolta dove se ne spendono solo 2.50. 3)Il Sindaco di Monghidoro Ferretti afferma che i comuni di Loiano Monghidoro e Monzuno hanno provato a realizzare un centro di raccolta per il verde e che il progetto è stato bocciato. Come è possibile che un Comune non riesca a realizzare una cosa così banale come un punto di raccolta del verde cercando poi di trasformarlo in prodotti commercializzabili ? Chi si oppone? 4) Alla richiesta (mi pare) della consigliera Baccolini di installare un distributore di "acqua del Sindaco" con l'intento di ridurre l'utilizzo di bottiglie di plastica l'assessore A. Rocca ha detto che non è interessato e che secondo lui i cittadini di Loiano devono bere l'acqua di Hera. Forse per ridurre l'uso dell'acqua minerale proporrà una legge comunale che ne vieta la vendita, poi passeremo al divieto di vendere chewin-gum e sigarette in modo che la gente non le getti a terra e avanti in questa direzione.... L'amministrazione ha detto che sta lavorando ad un progetto e che lo renderà noto appena sarà pronto.Aspetto fiducioso per capire quali soluzioni verranno adottate per raggiungere gli obiettivi europei
La spesa per lo smaltimento dei rifiuti pesa per circa il 18% del nostro bilancio Comunale. Un punto su cui questa amministrazione si dovrà obbligatoriamente confrontare ed infatti è stato inserito al primo posto del loro programma elettorale. Ricordiamo che l'obiettivo che si sono dati è di raggiungere almeno il 65% di differenziata entro il 2016. In proporzione, è all'incirca lo stesso incremento che ha avuto Sasso Marconi dal 2007 applicando la raccolta porta-a-porta. Quindi non so se COSEA sarà più o meno d'accordo (anche io li ho notati piuttosto scettici), ma ad oggi non vedo altre soluzioni. Concordo con Andrea sulla questione dello smaltimento degli sfalci e del terriccio; è un punto da approfondire. Nello stesso momento bisogna pensare ad una politica di riduzione dei rifiuti e la proposta che avevamo fatto di installare macchine ricicla-plastica andava proprio in questa direzione. Oltre a questa, si potrebbe pensare ai distributori de 'L'acqua del Sindaco' ed organizzare una capillare informazione sull'utilizzo dell'acqua del rubinetto (una cosa non esclude l'altra), lo sviluppo degli acquisti a km 0 e dei gruppi di acquisto, il mercato del riuso già annunciato, eccetera. Come ha detto l'Assessore all'ambiente, a breve verrà presentato un progetto quindi in quella occasione vedremo in quale modo l'amministrazione intende raggiungere gli ambiziosi obiettivi in così poco tempo. All'incontro mi sono permesso di dire che su un tema così importante sarebbe opportuno lasciare da parte le contrapposizioni politiche e le critiche 'a prescindere'. Si valuterà il progetto una volta presentato e migliorandolo se ce ne verrà data l'opportunità. Compito dell'opposizione è quella di controllare, proporre ed informare ; l'incontro dell'altra sera lo dimostra. Danilo Zappaterra Consigliere Comunale Movimento 5 Stelle
Mi riferisco alla risposta sull'acqua del sindaco, un assessore che risponde in questa maniera non è di tutti i cittadini. Non si può dare una risposta del genere , non è una risposta adeguata al ruolo che ricopre. E se un cittadino vorrebbe utilizzare l'acqua del sindaco perche quella di casa sua non la vuole bere per un qualsiasi motivo cosa deve fare? Continuare a spendere soldi e fatica per portare a casa bottiglie di plastica con tutto quello che ne consegue? Consiglio al nostro assesore di leggere i seguenti numeri dell'acqua del sindaco di Pianoro. http://www.gruppohera.it/gruppo/attivita_servizi/business_acqua/canale_a... Spero molto caldamente che l'assessore all'ambiente cambi idea nell'interesse di tutti i cittadini e non solo di alcuni, o che almeno dia delle spiegazioni.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

- 2018 - Eventi, Feste e Sagre a Loiano
“Svuota la cantina”, a Loiano ogni ultimo sabato del mese, da maggio ad ottobre
Domenica 28 ottobre “La Tartufesta … nel bosco” a Cà di Priami a Loiano

Centro Raccolta Cosea

 

 

 

canile savena banner

 

 

 

Mappa Loiano