You are here


Politica

Sul Passante Sud l’Unione Savena si spacca: Pianoro e Ozzano dicono ‘no’

Loiano, Monterenzio e Monghidoro sono invece favorevoli

L’Unione Savena Idice registra una spaccatura in merito al progetto denominato ‘Passante Sud’ alternativo al noto e discusso ‘Passante Nord’.  Infatti mentre  Loiano, Monterenzio  e Monghidoro si sono detti favorevoli (il Consiglio Comunale di Loiano ha anche approvato all’unanimità un Atto di Indirizzo), Pianoro e Ozzano si dicono contrari tanto da  ipotizzare anche una raccolta firme.

I motivi del ‘no’ si riconducono all’ipotesi di danni ambientali, al problema del traffico in tangenziale che non verrebbe risolto così come il calo dell’inquinamento. Oltre ai tre Comuni dell’Unione sono contrari anche Sasso Marconi, Casalecchio e San Lazzaro, tutti di area PD

"Bisogna avere rispetto per ciò che è  pubblico"

Riceviamo e pubblichiamo

Riceviamo e pubblichiamo

Chi ricopre un ruolo istituzionale dovrebbe muoversi con tutte le cautele del caso dato che rappresenta lo Stato. Questa amministrazione si è proposta in iniziative quantomeno bizzarre. Abbiamo iniziato con "alza l'asta" un iniziativa dal nome assai equivoco e con lo scopo di raccogliere fondi per costruire una tettoia in una scuola che sarebbe andata in disuso. Un po' come dire "fateci la carità". 

Come seconda cosa ricordo il primo speranzalbero, un'ammasso delle potature del giardino di qualcuno sgomberato in fretta e furia per aver gettato nel ridicolo una iniziativa con scopi lodevoli. Al terzo posto il posizionamento di un "mostro" nella rotonda di accesso al paese tanto per dare una buona immagine a chi arriva.

Potremmo anche dire che è assai "originale" per un luogo istituzionale come l'edificio comunale l'utilizzo di tutti gli spazi possibili per appendere quadri di dubbio gusto (sempre regalati) e l'utilizzo dei colori per le pareti della sala del consiglio. 

Ora, per finire, si pensa di permettere a qualcuno che vuole ricordare i propri morti di posizionare una panchina con targhetta alla memoria come se la cosa dovesse interessare a tutti i cittadini. Questo spalanca le porte a tante altre iniziative del genere per cui tra qualche anno avremo scivoli per bambini dedicati o cestini dei rifiuti o magari semafori o pali stradali. Quello però che più mi meraviglia è che qualcuno in paese la ritiene una bella iniziativa. Personalmente credo che ognuno sia libero di ricordare i propri cari come meglio crede senza per questo doverne fare un atto pubblico. 

Andrea Bovina

Amministrative 2019, si voterà domenica 26 maggio

In Unione tutti i Comuni alle urne fuorché Monghidoro

Ben 46 Comuni (su 55) della Città Metropolitana di Bologna il prossimo 26 maggio, saranno chiamati a rinnovare le proprie amministrazioni (lo stesso giorno delle elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo)

Si tratta di un appuntamento importante visto che la tornata elettorale coinvolgerà complessivamente 486.993 individui, pari al 48,2% della popolazione metropolitana.

Fra i Comuni dell’Unione Savena Idice (Loiano, Monghidoro, Monterenzio, Pianoro, Ozzano) solo Monghidoro non andrà alle urne avendo votato due anni fa.

A Pianoro - unico Comune con più di 15000 abitanti - è previsto il ballottaggio qualora nessuna lista superasse il 50%+1 al primo turno. A Loiano - dove ancora non vi è stata l’ufficializzazione di nessun candidato - nel 2014 con 968 voti (41,31%) vinse Patrizia Carpani con la lista ‘Cittadini in Comune’. Una differenza davvero minima con Tamara Imbaglione, lista 'Loiano nel cuore' che ne prese 935 (39,91%); terzo Danilo Zappaterra del Movimento 5 Stelle con 440 voti (18,78%).

Nella foto il confronto pubblico fra i candidati di Loiano nel 2014

PD Loiano, Zingaretti vince la corsa verso le Primarie

Con 14 voti. Presenti 19 iscritti al Pd

Il 16 gennaio scorso si è svolta in Sala Primavera a Loiano (foto), la presentazione e votazione delle linee politiche dei sei candidati a Segretario Nazionale del Partito Democratico.

L'incontro era aperto a tutti mentre il voto era  riservato agli iscritti. 

Il risultato di Loiano ricalca quello che sta avvenendo in tanti altri Circoli con la netta vittoria di Zingaretti. Questi i risultati: iscritti al Pd presenti 19. Voti: 14 Zingaretti, 3 Martina,1 Giacchetti, 1 Saladino.

I tre candidati che a livello nazionale prenderanno più voti si sfideranno nelle primarie del 3 marzo dove potranno invece votare tutti coloro che condividono le linee programmatiche del Partito Democratico.

Amministrative 2019, in Unione Savena Idice le prime candidature

Molto probabilmente si voterà il 26 maggio 2019

Molto probabilmente sarà il 26 maggio prossimo la data delle Elezioni Amministrative che interesseranno ben 3.860 comuni in Italia (quasi il 50% del totale). Come già avvenuto nel 2014, potrebbe essere scelta quella data così da accorpare anche le Elezioni Europee. 

In Unione Savena Idice saranno quattro i Comuni chiamati al voto; in pratica tutti fuorché Monghidoro che si ripresenterà fra due anni. A Ozzano il Sindaco uscente Luca Lelli ha già confermato la sua ricandidatura, come certa sembra quella di Pierdante Spadoni a Monterenzio. A Pianoro (unico Comune dell’Unione in cui è previsto un eventuale ballottaggio), è confermata la corsa di una lista del M5S, della Lega, di Italia in Comune e di un candidato appoggiato dal PD (magari allargato ad altri movimenti o partiti).

A Loiano ancora candidature ufficiali non ve ne sono ma rumors di paese danno molto probabile una corsa a tre, con una lista civica sostenuta dal Partito Democratico, una con componenti dell’amministrazione uscente (o comunque appoggiata dai Cittadini in Comune)  ed una del Movimento 5 Stelle (o civica)

La chiusura delle liste sarà indicativamente agli inizi/metà di aprile

"Brutta pagina politica a Loiano..."

Il numero di gennaio di 'Un'Idea di Appennino' torna sulla vicenda della mancata nomina di Zappaterra in Unione

Nel numero di gennaio del mensile 'Un'Idea di Appennino' (allegato), si torna sulla vicenda della mancata nomina del Consigliere Danilo  Zappaterra in Unione. L'articolo ripercorre le fasi che hanno visto inizialmente la disponibilità di tamara Imbaglione a sostenere la nomina e la successiva bocciatura da parte delle Consigliere del PD Francesca Baccolini e Gioia Gioconda.

Pubblicato il verbale del Consiglio Comunale di novembre

Si era nuovamente parlato della mancata nomina del rappresentante delle Opposizioni in Unione

E’ stato pubblicato il verbale del Consiglio Comunale di novembre in cui si è trattato nuovamente il tema della mancata nomina del rappresentante delle Opposizioni di Loiano in Unione.

Si tratta della trascrizione integrale di ciò che è stato dichiarato e conferma ciò che era già stato anticipato all’indomani dell’incontro. Questo verbale è particolarmente importante perché sono stati sollevati dubbi di veridicità o strumentalizzazione delle dichiarazioni dei Consiglieri. 

Di seguito ed in allegato il contenuto del verbale:

Unione, ufficializzata la mancata nomina del rappresentante delle Opposizioni di Loiano

"Dal partito hanno detto di votare no a Zappaterra"

Il Consiglio dell’Unione ha oggi preso atto ed ufficializzato quanto deliberato a Loiano, in merito alla mancata sostituzione di Tamara Imbaglione come rappresentante delle Opposizioni loianesi (allegato).

In pratica è stata ratificata la mancata nomina del Consigliere Danilo Zappaterra dopo la bocciatura da parte di Francesca Baccolini e Gioia Gioconda durante il Consiglio della scorsa settimana.

Bocciatura motivata con la dichiarazione: “per correttezza rispetto al Partito che abbiamo dietro, non possiamo appoggiare un candidato del M5S. L’appartenenza politica ci lega a questa scelta”.

Una scelta ribadita anche  durante il Consiglio Comunale di ieri (27 novembre) da parte della stessa Gioia Gioconda: “...dal Partito hanno detto di votare NO a Zappaterra".

Una dichiarazione che ha ovviamente sorpreso tutti, dalla quale ha preso immediatamente le distanze Tamara Imbaglione e che ha portato il Vice Sindaco Alberto Rocca a prendere una netta  posizione ribadita oggi in Unione: “la mancata nomina di un rappresentante delle Minoranze in Unione Savena Idice è un danno non solo per le Opposizioni ma anche per l'intero Consiglio che dimostra così di non essere in grado di eleggere un proprio rappresentante; e questo solo a causa di scelte partitiche. Inoltre proprio ieri sera è stato confermato che l’indicazione di non votare Zappaterra è arrivata da un Partito (PD ndr). Soprattutto a livello locale è auspicabile che i Consiglieri votino e scelgano sempre sulla base dei propri princìpi, nell'interesse esclusivo della Comunità che siamo chiamati  ad amministrare".

Il Consigliere Danilo Zappaterra ha rimarcato l’amarezza per quanto è successo e soprattutto le motivazioni che hanno portato a questa scelta, aggiungendo: “cinque anni fa, quando ho votato per Tamara Imbaglione anche come mia rappresentante, non mi sono certo posto il dubbio della sua appartenenza partitica”.

Alberto Rocca: "nel 2019 non mi candiderò come Sindaco"

Fino al termine del mandato l'attenzione sarà per il dissesto idrogeologico

In vista delle prossime elezioni Amministrative che si terranno nel maggio 2019 (presumibilmente il 26, in concomitanza con le Elezioni Europee), il Vicesindaco di Loiano Alberto Rocca annuncia che non candiderà come Sindaco.

Lo fa attraverso un articolo apparso oggi sul Resto del Carlino (allegato) e specifica che gli ultimi mesi del mandato li dedicherà alle problematiche legate al dissesto idrogeologico che colpisce il nostro Comune ogni volta che piove. Per affrontare questa problematica,  è in programma un incontro con le associazioni agricole (!), da tenersi entro questo mese.

Tornando all’annuncio di apertura, l’articolo non specifica se l’attuale Vicesindaco farà comunque parte di qualche lista come già avvenuto nel 2014; infatti Rocca entrò come Assessore  e nel settembre 2015 diventò Vicesindaco sostituendo Lorenzo Ferroni.

'Loiano nel Cuore' boccia la candidatura del Consigliere Zappaterra in Unione Savena idice

Francesca Baccolini: "il nostro gruppo politico non può votare un candidato del Movimento 5 Stelle"

Il nostro Gruppo politico non può votare e sostenere un Consigliere del Movimento 5 Stelle in Unione’. 

Così, inaspettatamente, in Consiglio Comunale, Francesca Baccolini e Gioia Gioconda del gruppo 'Loiano nel Cuore' hanno bocciato la candidatura di Danilo Zappaterra (M5S) in Unione Savena Idice, quale sostituzione della dimissionaria Tamara Imbaglione. 

Inaspettatamente perché era stata la stessa Capogruppo Imbaglione (stasera assente per motivi personali), ad appoggiare la candidatura di Zappaterra quale sostituto in seno all’Unione. 

Come da prassi, il posto spettava al Gruppo di Minoranza che nel 2014 aveva ricevuto più voti (Loiano nel Cuore); ma sia Francesca Baccolini che Gioia Gioconda hanno rifiutato (la Baccolini andrà in Città Metropolitana tra le file del PD).  Alla luce di questo, resta quindi da capire quale fosse  il Gruppo politico a cui la Consigliera Baccolini si riferiva: se  'Loiano nel Cuore' oppure appunto il Partito Democratico.

Fatto sta che a causa di quelli che sono apparsi meramente interessi partitici pre-elettorali, le opposizioni (quindi la maggioranza dei cittadini di Loiano) non saranno rappresentate in Unione Savena Idice fino a maggio 2019. 

nella foto: campagna elettorale 2014 di Loiano nel Cuore  con Raffaele Donini del Partito Democratico

Elezioni Politiche, i risultati a Loiano nel 2013

Dopo 5 anni andiamo a vedere cosa accadde nel nostro Comune

In vista delle prossime elezioni politiche del 4 marzo, può essere curioso rivedere i risultati raccolti dai partiti nel nostro Comune alle elezioni del 2013. 

Dati di interesse meramente statistico perché da allora sono cambiati partiti, coalizioni e, soprattutto, la legge elettorale.

A Loiano, sia al Senato che alla Camera il Partito Democratico si piazzò come primo partito raccogliendo il 40,04% (955 voti) al Senato ed il 37,89% alla Camera (961 voti). 

Al secondo posto il Movimento 5 Stelle con il 23,06% (550 voti) al Senato e il 24,72% alla Camera (627 voti). Terzo partito risultò il Popolo delle Libertà, con il 15,93% al Senato (380 voti) e 15,46% (392) alla Camera. Distaccata la Lega (Nord) con il 2,26% (54 voti) e 2,48% (63 voti) alla Camera.

I votanti furono 2.449 al Senato e 2.613 alla Camera. Nelle schede allegate anche i risultati nelle singole Circoscrizioni del nostro Comune.

Mozione antifascista del M5S: "Spazi pubblici solo a chi si riconosce nei valori democratici"

Andrà in votazione nel prossimo Consiglio Comunale

Il riemergere di comportamenti antidemocratici di espressione fascista, xenofoba, razzista e sessista ha portato molti comuni ad adottare misure che limitino gli spazi a queste espressioni antidemocratiche. L’avvicinarsi delle elezioni vedrà queste forze ancor più presenti e di conseguenza molti Comuni si stanno ‘attrezzando’.

Dopo  grandi città come Milano, Torino, Bologna anche piccoli comuni stanno aggiornando in questo senso i propri Regolamenti o Statuti. Nei vari Consigli Comunali le proposte vengono approvate senza distinzione partitiche, adeguando le mozioni sulla base dei propri Regolamenti od approvandone di nuovi.  

Nella provincia di Bologna, Casalecchio, Monte San Pietro, Sasso Marconi, Valsamoggia e Zola Predosa sono stati fra i primi, mentre in Unione Savena Idice, Pianoro ha da poco approvato una proposta che va in questa direzione.

Allo stesso modo, a Loiano il Consigliere Danilo Zappaterra ha presentato una mozione che chiede alla Giunta di non concedere spazi o suolo pubblici a coloro che non garantiscano il rispetto dei valori sanciti dalla Costituzione, professando o praticando comportamenti fascisti, razzisti, omofobi, transfobici e sessisti. Chiede che questa posizione venga fatta sottoscrivere nelle richieste di spazi pubblici e che si incentivino iniziative culturali che pongano l'attenzione all'affacciarsi di nuovi fascismi.

La mozione andrà in votazione nel prossimo Consiglio Comunale.

Primarie PD del 30 aprile, a Loiano si voterà presso la Sala Primavera

Dalle ore 8 alle 20. Nel 2013 votarono in 387

In occasione delle Primarie del Partito Democratico di domenica 30 aprile, a Loiano si voterà presso la Sala Primavera in via Santa Margherita. Il seggio sarà aperto dalle ore 8,00 alle 20,00.

Alle Primarie del 2013  (Renzi/Civati/Cuperlo) nel nostro Comune i votanti furono 387, mentre a quelle del 2012 (Bersani/Renzi) furono 408.

QUI tutte le info

I dati sulla popolazione della Città Metropolitana al 1° gennaio 2017. A Loiano i residenti sono 4.315 . Aumentano gli stranieri

In aumento in quasi tutti i Comuni dell'Unione Savena Idice

La Città Metropolitana ha pubblicato i dati relativi alla popolazione residente nei vari comuni della provincia di Bologna, aggiornato al gennaio 2017. Si tratta di dati provvisori che registrano un complessivo + 0,3% rispetto al gennaio 2016 (da 1.005.831 a 1.009.268), con la città di Bologna nella media con un +0,4% (da 385.663 a 388.367).

Nella media anche Loiano che con + 0,5%  passa  da 4.294 abitanti del 2016, a 4.315 di quest’anno.

Nel nostro Comune in aumento anche gli stranieri che passano da 342 a 351 e rappresentano l’ 8,1% dell’intera popolazione.

Popolazione che complessivamente aumenta anche negli altri Comuni dell’Unione Savena Idice con Monterenzio  a +0,3% ,  Pianoro + 0,4% ,  Ozzano + 1,3% . Unica eccezione è Monghidoro che registra  invece una flessione del  - 1,5%

Il 66% favorevole al senso unico in via Roma. Che non si farà

La contrarietà dei commercianti nella decisione dell'Amministrazione

Il confronto del 6 marzo con i cittadini ha sancito il definitivo accantonamento (almeno con questa amministrazione) dell’ipotesi del senso unico in via Roma a Loiano. Decisione che comunque era già stata comunicata ai commercianti nell’incontro del mese scorso, quando la loro contrarietà ha portato la Giunta a decidere di lasciare la situazione invariata, nonostante il risultato del sondaggio.

Come ha spiegato il Sindaco “la decisione vuole infatti andare incontro proprio ai negozianti del centro così da non aggravarli di ulteriori difficoltà proprio ora che stanno anche aprendo nuove attività”.  Inoltre “il basso numero di votanti è stato indicativo di uno scarso interesse sull’argomento"

Come nella precedente occasione, è stato il Comandante della Polizia Municipale, Umberto Ori ad esporre i risultati del sondaggio che chiedeva appunto ai cittadini di esprimersi sul cambiamento della viabilità dopo i lavori alla scuola elementare  che avevano dato la possibilità di ‘provare’ il senso unico.

Sono arrivati 470 questionari  (372 online e 98 cartacei), che rappresentano il 12,15% della  popolazione adulta residente (3660). 

Da questi, 25 sono stati scartati perché risultavano di non residenti, minorenni, questionari doppi ecc. e dei 445 validi  sono risultati favorevoli al senso unico in 294 (66,6%) ; contrari 142 (31%); indifferenti 9 (2%).

L’analisi è poi stata suddivisa fra centro del paese e frazioni. 

Da Loiano centro si è dichiarato favorevole i il 58% e contrario il 41%; dalle frazioni si è dichiarato favorevole l’83% e contrario il 16%

Le motivazioni dei favorevoli sono state principalmente inerenti il maggior numero di parcheggi, maggior sicurezza, maggior ordine nella viabilità. I contrari, per la penalizzazione che ne deriverebbe per i commercianti, scomodità e disagi, minor sicurezza in viale Marconi dovuta al maggior traffico.

Come era prevedibile, non sono mancate le perplessità da parte del pubblico che non ha compreso il motivo di accantonare l’idea quando il sondaggio ha dato un responso così chiaro. E’ stato sottolineato inoltre che in questo modo  i commercianti deterrebbero una sorte di ‘golden share’ sulle decisioni dell’Amministrazione che è difficile comprendere e giustificare.