Giovedì, 5. December 2019 - 18:12

mobilità

Sicurezza sulla Futa, i Segretari del PD scrivono nuovamente a Merola

Si chiedono controlli, strumenti ed incontri per arginare il problema

Dopo una prima lettera inviata a gennaio al Sindaco della Città Metropolitana  Virginio Merola (allegata), i segretari del Partito Democratico di Monghidoro, Loiano, Monterenzio, Pianoro, San Lazzaro ed Ozzano  inviano al Sindaco una nuova comunicazione sempre in merito alla sicurezza stradale con particolare attenzione alla SP 65 (Futa). Nel documento si fa riferimento all’incontro avvenuto lo scorso 15 febbraio in Città Metropolitana e si chiede si chiede all’Assessore alla Viabilità Marco Monesi di farsi promotore di azioni utili al raggiungimento dell’obbiettivo emerse nel confronto e precisamente:

1. una verifica su quali interventi strutturali possono essere realizzati (autovelox, passaggi, pedonali, verifica limiti di velocità)

2. controlli di di forze di polizia e tecnici della motorizzazione civile nei fine settimana

3. incontri di sensibilizzazione con le Associazioni di motociclisti

4. incontri con i cittadini dei comuni attraversati dalla Futa

Sul Passante Sud l’Unione Savena si spacca Pianoro e Ozzano dicono ‘no’

Loiano, Monterenzio e Monghidoro sono invece favorevoli

L’Unione Savena Idice registra una spaccatura in merito al progetto denominato ‘Passante Sud’ alternativo al noto e discusso ‘Passante Nord’.  Infatti mentre  Loiano, Monterenzio  e Monghidoro si sono detti favorevoli (il Consiglio Comunale di Loiano ha anche approvato all’unanimità un Atto di Indirizzo), Pianoro e Ozzano si dicono contrari tanto da  ipotizzare anche una raccolta firme.

I motivi del ‘no’ si riconducono all’ipotesi di danni ambientali, al problema del traffico in tangenziale che non verrebbe risolto così come il calo dell’inquinamento. Oltre ai tre Comuni dell’Unione sono contrari anche Sasso Marconi, Casalecchio e San Lazzaro, tutti di area PD

Piano di emergenza e di evacuazione per manifestazioni pubbliche realizzate nel centro di Loiano

Piano di emergenza e di evacuazione per manifestazioni pubbliche realizzate nel centro di Loiano
Chi ha partecipato alle manifestazioni degli ultimi mesi a Loiano (in particolare la Festa d’la Batdura), avrà notato nuovi cartelli, indicazioni su vie di fuga, estintori, la massiccia presenza di personale di sicurezza, eccetera. Si tratta dell’applicazione del “Piano di emergenza e di evacuazione per manifestazioni pubbliche realizzate nel centro del Comune di Loiano” approvato nel Consiglio Comunale di giugno. 
 
 

In via Molino Mingano limite di velocità ed indicazione di strada dissestata

Nel tratto fra l’incrocio con via Roncastaldo e l’incrocio con via Raighera

Viste le cattive condizioni del fondo stradale di Via Molino Mingano (nel tratto compreso fra l’incrocio con via Roncastaldo e l’incrocio con via Raighera), la Polizia Municipale di Loiano con l’Ordinanza n. 23 (allegata) dispone in questo tratto 

 

- Il limite di velocità di 30 kmh.

Via Barbarolo chiusa da lunedì 30 0ttobre a mercoledì 15 Novembre

Nel tratto compreso a monte della località le Pescare e località. Le Crete

Con l’Ordinanza n. 43 (allegata), la polizia Municipale di Loiano dispone la chiusura al traffico veicolare di via Barbarolo, nel tratto compreso a monte della località le Pescare e località Le Crete, dalle ore 7.00 di lunedì 30 0ttobre,  alle ore 24.00 di mercoledì 15 Novembre (e comunque sino al termine dei lavori).

La chiusura si rende necessaria per consentire i lavori di ricostruzione del cassonetto stradale nel tratto a valle incrocio con località Le Crete, per un periodo stimato di 15 giorni  lavorativi,

Trasporto Scolastico, la registrazione audio della Commissione Consiliare del 27 marzo

Confronto con l'Amministratore della GESCO

E' durato oltre un'ora il confronto fra i componenti della Commissione Consiliare e l'Amministratore della GESCO, Dott Simone Dionisi, sull'interrogazione del Movimento 5 Stelle inerente il costo del Sevizio di Trasporto Scolastico. Le domande poste all'Amministratore si sono concentrate principalmente  sulla spesa totale annua (€ 100.744) del personale esterno (autisti) ed interno (ufficio). Oltre a questa, è stata nuovamente rimarcata l'enorme differenza di costo a km fra il servizio di Loiano (€ 3,42) e quello di Monterenzio (€ 1,49) o Monghidoro (€ 2,52).

Il confronto ha evidenziato anche un differente conteggio totale delle ore impiegate nel servizio ; per GESCO sono  3.765 mentre risultano 2.581 per il Consigliere dei 5 Stelle. Si resta quindi in attesa di questa verifica e della possibilità di ottenere da COSEPURI le stesse condizioni economiche applicate a Monterenzio. Purtroppo pochissimi i cittadini presenti (2)

QUI la registrazione audio dell'incontro

Sabato 1 aprile a Palazzo Loup, Convegno "Infrastrutture, mobilità e sviluppo della montagna bolognese. Chiusura dell'Anello Autostradale a sud di Bologna"

Inizio ore 9,30

Sabato 1 aprile a Palazzo Loup di Loiano  (via S. Margherita 21), si terrà un Convegno sul tema "Infrastrutture, Mobilità e sviluppo della montagna bolognese. Chiusura dell'anello autostradale a sud di Bologna"

In allegato il programma dell'incontro che inizierà alle ore 9,30

Il 66% favorevole al senso unico in via Roma. Che non si farà

La contrarietà dei commercianti nella decisione dell'Amministrazione

Il confronto del 6 marzo con i cittadini ha sancito il definitivo accantonamento (almeno con questa amministrazione) dell’ipotesi del senso unico in via Roma a Loiano. Decisione che comunque era già stata comunicata ai commercianti nell’incontro del mese scorso, quando la loro contrarietà ha portato la Giunta a decidere di lasciare la situazione invariata, nonostante il risultato del sondaggio.

Come ha spiegato il Sindaco “la decisione vuole infatti andare incontro proprio ai negozianti del centro così da non aggravarli di ulteriori difficoltà proprio ora che stanno anche aprendo nuove attività”.  Inoltre “il basso numero di votanti è stato indicativo di uno scarso interesse sull’argomento"

Come nella precedente occasione, è stato il Comandante della Polizia Municipale, Umberto Ori ad esporre i risultati del sondaggio che chiedeva appunto ai cittadini di esprimersi sul cambiamento della viabilità dopo i lavori alla scuola elementare  che avevano dato la possibilità di ‘provare’ il senso unico.

Sono arrivati 470 questionari  (372 online e 98 cartacei), che rappresentano il 12,15% della  popolazione adulta residente (3660). 

Da questi, 25 sono stati scartati perché risultavano di non residenti, minorenni, questionari doppi ecc. e dei 445 validi  sono risultati favorevoli al senso unico in 294 (66,6%) ; contrari 142 (31%); indifferenti 9 (2%).

L’analisi è poi stata suddivisa fra centro del paese e frazioni. 

Da Loiano centro si è dichiarato favorevole i il 58% e contrario il 41%; dalle frazioni si è dichiarato favorevole l’83% e contrario il 16%

Le motivazioni dei favorevoli sono state principalmente inerenti il maggior numero di parcheggi, maggior sicurezza, maggior ordine nella viabilità. I contrari, per la penalizzazione che ne deriverebbe per i commercianti, scomodità e disagi, minor sicurezza in viale Marconi dovuta al maggior traffico.

Come era prevedibile, non sono mancate le perplessità da parte del pubblico che non ha compreso il motivo di accantonare l’idea quando il sondaggio ha dato un responso così chiaro. E’ stato sottolineato inoltre che in questo modo  i commercianti deterrebbero una sorte di ‘golden share’ sulle decisioni dell’Amministrazione che è difficile comprendere e giustificare.

Nel terzo trimestre 2016 rimborsati € 1.700 ad Hera per l'Assessore Nanni

Importo cinque volte più alto di quanto rimborsato al Vicesindaco

Con la Determina n. 271 del 24 novembre 2016 pubblicata in questi giorni (allegata), l’Area Risorse e Attività Produttive del Comune di Loiano ha ufficializzato i rimborsi ai datori di lavoro degli Amministratori comunali nel terzo trimestre 2016. Rimborsi che come nei periodi precedenti spettano all’assessore Roberto Nanni ed al vicesindaco Alberto Rocca.

Per l'Assessore Nanni la spesa a carico del  Comune  è € 1.771,58 (rimborsati ad Hera) mentre per Rocca € 349,65 (rimborsati a Segafredo Zanetti). 

Il tutto fa riferimento al D.Lgs. 267/2000 secondo cui le assenze dal servizio sono retribuite al lavoratore dal datore di lavoro. Gli oneri per i permessi retribuiti dei lavoratori dipendenti da privati o da enti pubblici economici sono a carico dell'ente presso il quale gli stessi lavoratori esercitano le funzioni pubbliche di cui all'articolo 79. L'ente, su richiesta documentata del datore di lavoro, è tenuto a rimborsare quanto dallo stesso corrisposto, per retribuzioni ed assicurazioni, per le ore o giornate di effettiva assenza del lavoratore.

Nella Determina non sono allegate le ore di riferimento (come era invece avvenuto nei primi trimestri), ma è lecito immaginare che come in precedenza l’importo rimborsato per Nanni sia attribuibile alle mansioni che svolge ogni venerdì in comune (invio mail, incontro con il pubblico, indagini di mercato e sopralluoghi).

La questione  ha sollevato non poche polemiche ed un’interrogazione del M5S (allegata) che metteva fortemente in dubbio l’opportunità (non la liceità) di queste spese in un momento di tagli ed aumenti di tariffe. 

Nella risposta la maggioranza difese ovviamente la scelta di avere l’assessore in comune in questa giornata, ricordando che la legge lo consente. Il Sindaco aveva altresì anticipato però che  impegni sopraggiunti non permetteranno più a Nanni di essere presente il venerdì, privando quindi l’Ente di un importante supporto.

In realtà, se  si considera che il terzo trimestre racchiude anche il periodo estivo e le ferie agostane, poco è cambiato rispetto ai precedenti (€ 2.600 a trimestre).

Trasporto Scolastico, “a Loiano costa di più perché il Servizio è di eccellenza”

La Gesco risponde marginalmente all’interrogazione sui costi del Servizio

Il Trasporto Scolastico di Loiano costa di più degli altri comuni  perché è un servizio d’eccellenza.”. Così in sintesi la risposta del nuovo amministratore della Gesco Simone Dionisi, ad un’interrogazione del M5S sui costi del Servizio Trasporto Scolastico. Durante il Consiglio Comunale del 28 novembre, dopo quattro mesi dalla richiesta, la Società Partecipata e l’Amministrazione hanno presentato motivazioni di natura qualitativa per giustificare il formidabile divario di spesa fra Loiano e gli altri Comuni.  

in una delle domande  del consigliere si chiedeva “quali voci di spesa comportino una tale considerevole differenza di costo a km, fra il Comune di Loiano e gli altri Comune dell’Unione presi in esame “ (per esempio, il + 130% rispetto a Monterenzio con COSEPURI o il + 35% rispetto a Monghidoro). Purtroppo i  dati richiesti non sono stati presentati (‘li ho giù in ufficio….”) mentre si contestava l’attendibilità dei valori presentati perché riferiti a capitolati.

Contestazione  palesemente errata visto che i dati si riferiscono a Delibere od Aggiudicazioni; l’unico Capitolato è quello di Monterenzio che in fase di aggiudicazione ha visto tariffe addirittura più basse.

Il servizio è consolidato ed affidabile, i nostri autisti sono responsabili e di lunga esperienza mentre gli altri sono spesso nuovi e diversi” ha sottolineato il Dott. Dionisi. che è evidentemente in possesso dei turni  della COSEPURI.   Tamara Imbaglione (Loiano nel Cuore) ha sottolineato che  “nessuno  ha messo in dubbio la professionalità dei nostri autisti” e la valutazione qualitativa non era minimamente presa in esame dall’interrogazione. Comunque per inciso, il Comune di Monterenzio alla voce “Modalità operative del servizio” e “Esperienza operatori” ha dato ‘ottimo’ come giudizio del servizio esternalizzato alla Cosepuri.  In sostanza, la reale differenza che emerge, è che dove il servizio viene dato in appalto a ditte esterne, il costo si riduce drasticamente. 

La difesa del Servizio loianese è passata anche dalla disponibilità dei mezzi: “a Monterenzio ci vuole un preavviso di 15 giorni per effettuare una variazione mentre a Loiano un mezzo è sempre disponibile”.  Una dichiarazione che non tiene conto  della possibilità di mantenere comunque un mezzo della Gesco a disposizione, pur appaltando esternamente il servizio. 

Sindaco e Partecipata hanno poi rivelato di avere chiesto alla Cosepuri un preventivo in base alle esigenze di Loiano. Preventivo  da cui emergerebbe che il costo sarebbe addirittura più alto di quello attuale. Purtroppo questa richiesta e la relativa offerta non sono state né lette né presentate, facendo così da corollario alle altre mancate risposte.

In conclusione restano aperte tutte le questioni poste dall’interrogazione:

1. Nel dettaglio, quali voci di spesa portano a spendere 160.000 euro all’anno?

2. L’Amministrazione valuta di poter esternalizzare il Servizio? 

3. Si effettuano controlli, verifiche e confronti sui costi di gestione dei vari servizi? 

4. Perché mancano le informazioni ed aggiornamenti nel sito web del Comune nella sezione della Ge.S.Co. Loiano srl, dedicata al  Servizio? 

Pagine

Back to Top