Giovedì, 24. September 2020 - 15:28

Mobilità e Viabilità

Sicurezza sulla Futa, i Segretari del PD scrivono nuovamente a Merola

Si chiedono controlli, strumenti ed incontri per arginare il problema

Dopo una prima lettera inviata a gennaio al Sindaco della Città Metropolitana  Virginio Merola (allegata), i segretari del Partito Democratico di Monghidoro, Loiano, Monterenzio, Pianoro, San Lazzaro ed Ozzano  inviano al Sindaco una nuova comunicazione sempre in merito alla sicurezza stradale con particolare attenzione alla SP 65 (Futa). Nel documento si fa riferimento all’incontro avvenuto lo scorso 15 febbraio in Città Metropolitana e si chiede si chiede all’Assessore alla Viabilità Marco Monesi di farsi promotore di azioni utili al raggiungimento dell’obbiettivo emerse nel confronto e precisamente:

1. una verifica su quali interventi strutturali possono essere realizzati (autovelox, passaggi, pedonali, verifica limiti di velocità)

2. controlli di di forze di polizia e tecnici della motorizzazione civile nei fine settimana

3. incontri di sensibilizzazione con le Associazioni di motociclisti

4. incontri con i cittadini dei comuni attraversati dalla Futa

Sul Passante Sud l’Unione Savena si spacca Pianoro e Ozzano dicono ‘no’

Loiano, Monterenzio e Monghidoro sono invece favorevoli

L’Unione Savena Idice registra una spaccatura in merito al progetto denominato ‘Passante Sud’ alternativo al noto e discusso ‘Passante Nord’.  Infatti mentre  Loiano, Monterenzio  e Monghidoro si sono detti favorevoli (il Consiglio Comunale di Loiano ha anche approvato all’unanimità un Atto di Indirizzo), Pianoro e Ozzano si dicono contrari tanto da  ipotizzare anche una raccolta firme.

I motivi del ‘no’ si riconducono all’ipotesi di danni ambientali, al problema del traffico in tangenziale che non verrebbe risolto così come il calo dell’inquinamento. Oltre ai tre Comuni dell’Unione sono contrari anche Sasso Marconi, Casalecchio e San Lazzaro, tutti di area PD

Piano di emergenza e di evacuazione per manifestazioni pubbliche realizzate nel centro di Loiano

Piano di emergenza e di evacuazione per manifestazioni pubbliche realizzate nel centro di Loiano
Chi ha partecipato alle manifestazioni degli ultimi mesi a Loiano (in particolare la Festa d’la Batdura), avrà notato nuovi cartelli, indicazioni su vie di fuga, estintori, la massiccia presenza di personale di sicurezza, eccetera. Si tratta dell’applicazione del “Piano di emergenza e di evacuazione per manifestazioni pubbliche realizzate nel centro del Comune di Loiano” approvato nel Consiglio Comunale di giugno. 
 
 

In via Molino Mingano limite di velocità ed indicazione di strada dissestata

Nel tratto fra l’incrocio con via Roncastaldo e l’incrocio con via Raighera

Viste le cattive condizioni del fondo stradale di Via Molino Mingano (nel tratto compreso fra l’incrocio con via Roncastaldo e l’incrocio con via Raighera), la Polizia Municipale di Loiano con l’Ordinanza n. 23 (allegata) dispone in questo tratto 

 

- Il limite di velocità di 30 kmh.

Via Barbarolo chiusa da lunedì 30 0ttobre a mercoledì 15 Novembre

Nel tratto compreso a monte della località le Pescare e località. Le Crete

Con l’Ordinanza n. 43 (allegata), la polizia Municipale di Loiano dispone la chiusura al traffico veicolare di via Barbarolo, nel tratto compreso a monte della località le Pescare e località Le Crete, dalle ore 7.00 di lunedì 30 0ttobre,  alle ore 24.00 di mercoledì 15 Novembre (e comunque sino al termine dei lavori).

La chiusura si rende necessaria per consentire i lavori di ricostruzione del cassonetto stradale nel tratto a valle incrocio con località Le Crete, per un periodo stimato di 15 giorni  lavorativi,

Trasporto Scolastico, la registrazione audio della Commissione Consiliare del 27 marzo

Confronto con l'Amministratore della GESCO

E' durato oltre un'ora il confronto fra i componenti della Commissione Consiliare e l'Amministratore della GESCO, Dott Simone Dionisi, sull'interrogazione del Movimento 5 Stelle inerente il costo del Sevizio di Trasporto Scolastico. Le domande poste all'Amministratore si sono concentrate principalmente  sulla spesa totale annua (€ 100.744) del personale esterno (autisti) ed interno (ufficio). Oltre a questa, è stata nuovamente rimarcata l'enorme differenza di costo a km fra il servizio di Loiano (€ 3,42) e quello di Monterenzio (€ 1,49) o Monghidoro (€ 2,52).

Il confronto ha evidenziato anche un differente conteggio totale delle ore impiegate nel servizio ; per GESCO sono  3.765 mentre risultano 2.581 per il Consigliere dei 5 Stelle. Si resta quindi in attesa di questa verifica e della possibilità di ottenere da COSEPURI le stesse condizioni economiche applicate a Monterenzio. Purtroppo pochissimi i cittadini presenti (2)

QUI la registrazione audio dell'incontro

Sabato 1 aprile a Palazzo Loup, Convegno "Infrastrutture, mobilità e sviluppo della montagna bolognese. Chiusura dell'Anello Autostradale a sud di Bologna"

Inizio ore 9,30

Sabato 1 aprile a Palazzo Loup di Loiano  (via S. Margherita 21), si terrà un Convegno sul tema "Infrastrutture, Mobilità e sviluppo della montagna bolognese. Chiusura dell'anello autostradale a sud di Bologna"

In allegato il programma dell'incontro che inizierà alle ore 9,30

Trasporto Scolastico, “a Loiano costa di più perché il Servizio è di eccellenza”

La Gesco risponde marginalmente all’interrogazione sui costi del Servizio

Il Trasporto Scolastico di Loiano costa di più degli altri comuni  perché è un servizio d’eccellenza.”. Così in sintesi la risposta del nuovo amministratore della Gesco Simone Dionisi, ad un’interrogazione del M5S sui costi del Servizio Trasporto Scolastico. Durante il Consiglio Comunale del 28 novembre, dopo quattro mesi dalla richiesta, la Società Partecipata e l’Amministrazione hanno presentato motivazioni di natura qualitativa per giustificare il formidabile divario di spesa fra Loiano e gli altri Comuni.  

in una delle domande  del consigliere si chiedeva “quali voci di spesa comportino una tale considerevole differenza di costo a km, fra il Comune di Loiano e gli altri Comune dell’Unione presi in esame “ (per esempio, il + 130% rispetto a Monterenzio con COSEPURI o il + 35% rispetto a Monghidoro). Purtroppo i  dati richiesti non sono stati presentati (‘li ho giù in ufficio….”) mentre si contestava l’attendibilità dei valori presentati perché riferiti a capitolati.

Contestazione  palesemente errata visto che i dati si riferiscono a Delibere od Aggiudicazioni; l’unico Capitolato è quello di Monterenzio che in fase di aggiudicazione ha visto tariffe addirittura più basse.

Il servizio è consolidato ed affidabile, i nostri autisti sono responsabili e di lunga esperienza mentre gli altri sono spesso nuovi e diversi” ha sottolineato il Dott. Dionisi. che è evidentemente in possesso dei turni  della COSEPURI.   Tamara Imbaglione (Loiano nel Cuore) ha sottolineato che  “nessuno  ha messo in dubbio la professionalità dei nostri autisti” e la valutazione qualitativa non era minimamente presa in esame dall’interrogazione. Comunque per inciso, il Comune di Monterenzio alla voce “Modalità operative del servizio” e “Esperienza operatori” ha dato ‘ottimo’ come giudizio del servizio esternalizzato alla Cosepuri.  In sostanza, la reale differenza che emerge, è che dove il servizio viene dato in appalto a ditte esterne, il costo si riduce drasticamente. 

La difesa del Servizio loianese è passata anche dalla disponibilità dei mezzi: “a Monterenzio ci vuole un preavviso di 15 giorni per effettuare una variazione mentre a Loiano un mezzo è sempre disponibile”.  Una dichiarazione che non tiene conto  della possibilità di mantenere comunque un mezzo della Gesco a disposizione, pur appaltando esternamente il servizio. 

Sindaco e Partecipata hanno poi rivelato di avere chiesto alla Cosepuri un preventivo in base alle esigenze di Loiano. Preventivo  da cui emergerebbe che il costo sarebbe addirittura più alto di quello attuale. Purtroppo questa richiesta e la relativa offerta non sono state né lette né presentate, facendo così da corollario alle altre mancate risposte.

In conclusione restano aperte tutte le questioni poste dall’interrogazione:

1. Nel dettaglio, quali voci di spesa portano a spendere 160.000 euro all’anno?

2. L’Amministrazione valuta di poter esternalizzare il Servizio? 

3. Si effettuano controlli, verifiche e confronti sui costi di gestione dei vari servizi? 

4. Perché mancano le informazioni ed aggiornamenti nel sito web del Comune nella sezione della Ge.S.Co. Loiano srl, dedicata al  Servizio? 

Massimo Bianconcini vince il Campionato del Mondo di Step Up MX

Il loianese sul gradino più alto del podio dopo il secondo posto del 2015

 

La settimana scorsa in Polonia nella citta di Gdansk si è concluso il Campionato del Mondo di Step Up M che ha visto il loianese Massimo Bianconcini salire sul gradino più alto del podio.

Di seguito una dichiarazione di Massimo a cui vanno i nostri complimenti e ringraziamenti per una così prestigiosa rappresentatività del nostro paese.

 

Dopo il secondo posto del 2015 quest’anno sono riuscito a conquistare il gradino più alto del podio sul rivale e Campione del Mondo 2015 lo Spagnolo Jose Miralles, portando così a 3 il numero di  Titoli Mondiali vinti. 

Nel link che trovate di seguito potrete vedere un piccolo video di due minuti con il resoconto della mia stagione, che oltre al Campionato del Mondo racconta la trasferta Americana dove ho conquistato la medaglia di bronzo agli X-Games sempre nella disciplina dello Step Up.

https://www.youtube.com/watch?v=MIOdriI7wPU&feature=youtu.be

Merito di questo grande risultato è merito di tutti voi che mi aiutate e mi supportate in quello che reputo lo sport più bello del Mondo e per questo non smetterò mai di ringraziarvi.

Il 2017 ormai è alle porte e stiamo già programmando la prossima stagione, il campionato partirà il 28 di gennaio in Svizzera a Basile.

Anche se il campionato è finito non sono finite le mie esibizioni, infatti da 3 al 11 di dicembre sarò impegnato al Motor Show di Bologna dove assieme ai miei soci della DaBoot ogni giorno regaleremo emozioni al numeroso pubblico previsto per una delle fiere più importanti in Europa dopo un anno di stop.

Spese di notifica per le contravvenzioni (15 euro): la lettera di un cittadino e la risposta della Polizia Municipale di Loiano

Perplessità del cittadino anche sul controllo delle soste

Un cittadino mi ha scritto chiedendo chiarimenti in merito alle spese di notifica ed accertamento che da alcuni mesi aggravano sulle contravvenzioni. Nel contempo solleva perplessità sul controllo della sosta, soprattutto davanti al Comune.  Ritenendola un’ottima occasione per fare chiarezza ed informazione, ho girato la nota alla PM di cui riporto la cortese risposta pubblicata anche sul sito del Comune. Danilo Zappaterra

Danilo, ciao. Ti scrivo in quanto consigliere in Comune per chiederti chiarimenti in merito al sistema di notificazione delle multe in atto nel comune di Loiano. 

In particolare mi è capitato di prendere due multe in 5 gg sempre nello stesso posto, mentre mi ero assentata per 5 minuti (il tempo di scaricare mio figlio piccolo e tornare in macchina). 

Vero è che ero in divieto di sosta, ma ho notato che spesso non c'è altrettanta solerzia a fare multe ai mezzi comunali e altro: infatti ho preso l'abitudine, a questo punto, di fotografare anche altri mezzi in divieto di sosta, che non vengono multati. Diciamo che sarò stata sfortunata io, a parcheggiare "male" proprio nei minuti in cui passano i vigili. 

Quello che però più infastidisce (a quanto sento non solo me), è che i vigili non scendono dalla macchina, ma fanno le foto da dentro l'auto, poi mandano a casa la notifica con un costo aggiuntivo di 15€. A me sembra una rapina legalizzata...

Allego foto di due mattine a caso dove si vedono il camioncino della Gesco e una jeep dell'Enel parcheggiati in divieto di sosta/fermata. Nella seconda foto non sono riuscita a riprendere anche il consigliere Nanni che parlava tranquillamente con il passeggero della jeep dell'Enel, e non dava l'idea di essere in atto di far spostare il mezzo. 

In attesa fiduciosa di chiarimenti, ti saluto e ti prometto di mandare altre foto (non di privati cittadini, sia chiaro, ma di consiglieri, mezzi comunali, ECC)

lettera firmata

 

la risposta della Polizia Municipale di Loiano (allegata)

Facendo seguito alla nota inviata dal Consigliere Comunale Danilo Zappaterra, pervenuta allo scrivente ufficio nella quale una cittadina Loianese descrive il modus operandi della Polizia Municipale con riferimento alle soste, richiedendo chiarimenti non ritenendo tali modalità consone o legittime.

Nel ringraziare sia la cittadina che il Consigliere Comunale Danilo Zappatera per l’opportunità concessami, auspico di riuscire a fornire i necessari chiarimenti .

Le lamentele riportate nella nota si sostanziano nelle seguenti circostanze:

I vigili non scendono dalla macchina, ma fanno delle foto e mandano a casa la notifica con un costo aggiuntivo di 15,00 €.

Occorre precisare che il Codice della Strada prevede che quando la contestazione immediata dell’infrazione non è possibile il verbale maggiorato dei costi di accertamento e notifica, viene inviato all’effettivo trasgressore (se identificato) o in caso contrario al proprietario del veicolo.

Fra i casi di impossibilità di contestazione immediata, l’art. 201 del CDS annovera “accertamento dell’infrazione della violazione in assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo”.. E’ il caso dei divieti di sosta nei quali il conducente parcheggia l’auto e se ne allontana.

Il foglio che veniva lasciato sul parabrezza del veicolo, quasi completamente scomparso poiché sostituito da sistemi elettronici di rilevazione come lo “Street Control”, non è contemplato da nessuna normativa e quindi atto non dovuto (sentenza della Corte di Cassazione n. 5447/2007).

Per quanto riguarda le spese di accertamento e notifica di € 15,00 sono state deliberate dalla Giunta Comunale con delibera n. 11 del 16/02/2016 e sono così suddivise:

- € 6,60 costo raccomandata atti giudiziari;

- € 2,60 costo abbonamento annuale banca dati MCTC e visure (il costo abbonamento e

visure di € 1.300 viene suddiviso per la media di 500 verbali annui);

- € 1,60 costo software gestione infrazioni CDS (€ 800,00 annui per assistenza e

implementazione);

- i restanti € 4,20 servono a coprire forfettariamente altre spese quali: tempo di lavoro

dell’operatore, elettricità, toner per stampante, costo dei verbali aut imbustanti ecc.

Ai Cittadini di Loiano

p.c. Consigliere Comunale Danilo Zappaterra

    

A tale proposito il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti con Decreto 08 luglio 2015 (GU Serie Generale n.214 del 15-9-2015) ha stabilito in € 15,23 il costo di accertamento e notifica dei verbali elevati dalla Polizia di Stato. A meno di non voler sostenere che anche il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti effettua “rapine legalizzate”, va riconosciuto che l’importo deliberato dalla Giunta Comunale di Loiano è in linea con quanto stabilito da altri Organi preposti e sovra ordinati.

Chiarito quanto sopra vorrei precisare che le nuove disposizione operative, che da circa 6 mesi sono state impartite agli operatori di Polizia Municipale, tendono a obiettivi di:

1) imparzialità e equità dell’azione amministrativa

Precedentemente, quando veniva lasciato il preavviso, si assisteva al classico “fuggi fuggi”. Tale situazione, idonea a produrre involontarie ingiustizie, non accade più e tutte le auto in divieto di sosta vengono fotografate e sanzionate ottenendo così un deciso miglioramento in termini di equità dell’azione amministrativa.

Ribadisco che questo metodo di accertamento è perfettamente legittimo come peraltro ribadito dalla circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 28.09.2016 che definisce lo “street control”, lo “scout” ed altri strumenti di accertamento foto/video delle infrazioni ai divieti di sosta “come un taccuino elettronico che facilita l’acquisizione dei dati identificativi del veicolo (Targa NDR) rimanendo compito dello stesso operatore di garantire circa l’effettiva assenza del trasgressore, legittimando così la contestazione differita”. Ormai questo metodo di accertamento delle soste si va sempre più diffondendo nei vari comandi di Polizia Municipale d’Italia.

Il nostro Ufficio, non avendo la possibilità economica di acquistare uno strumento per l’accertamento come quelli indicati sopra (lo “scout” costa circa 40.000,00 €), ottiene analoghi risultati in tema di contrasto alla sosta selvaggia, utilizzando una macchina fotografica digitale del costo di 200,00 €.

2) Diminuzione del fenomeno della “sosta selvaggia”.

L’impossibilità per gli incalliti della sosta selvaggia di sottrarsi alla giusta sanzione, allontanandosi in fretta e furia, ha permesso di ottenere un’apprezzabile miglioramento della situazione per quanto riguarda le soste, fatto che si ripercuote positivamente sulla circolazione stradale e sulla sicurezza della stessa.

Nella lettera si ipotizza inoltre che la Polizia Municipale abbia un atteggiamento connivente nei confronti delle soste poste in essere da Consiglieri Comunali, Assessori o mezzi comunali e si allegano alcune foto, peraltro non dorso datate, con l’intento di mettere in dubbio l’imparzialità dell’azione amministrativa

Nulla di più falso. Consiglieri e componenti la Giunta Comunale sono stati per lungo tempo ottimi contribuenti, hanno preso le loro contravvenzioni e le hanno pagate senza richiedere atteggiamenti benevoli, mi riferisco sia alla maggioranza che alla minoranza, in questo dimostrando maturità politica e sociale.

Nelle foto allegate alla richiesta di chiarimenti si vedono alcune auto e mezzi in divieto di sosta. Certo è possibile che succeda, non sempre l’operatore di Polizia Municipale è presente quando viene commessa una violazione, ma preme ribadire che lo scrivente ufficio non pone in essere comportamenti di favore nei confronti di nessuno.

Se l’operatore è in servizio in “accertamento soste” chiunque abbia il mezzo in sosta irregolare viene sanzionato. Vale la pena ricordare un fatto che ha avuto risalto anche sui giornali, la sanzione elevata al dirigente di una nota casa automobilistica. La sanzione può non

    

essere elevata qualora si dimostri ex art. 4 legge 689/81 di aver agito per stato di necessità poiché

non risponde delle violazioni amministrative chi ha commesso il fatto nell'adempimento

di un dovere o nell'esercizio di una facoltà legittima ovvero in stato di necessità o di legittima

difesa.

Per quanto riguarda i mezzi di aziende fornitrici di pubblici servizi (Enel, Hera, Gesco) potremmo avere un atteggiamento comprensivo, in considerazione dalla pubblica utilità del servizio svolto, ma con precisi limiti nell’assenza di alternative alla sosta e nell’urgenza

dell’intervento.

Si precisa inoltre che gli Assessori Comunali non ricoprono nessuna funzione nel campo dei servizi di Polizia Stradale (vedasi articolo 12 CDS), pertanto pur ignorando quanto l’Assessore non fotografato stesse dicendo al conducente del mezzo, l’eventuale invito a spostare il

veicolo poteva essere rivolto solo per pura cortesia.

 Nel ribadire le motivazioni e gli obiettivi dell’operare della Polizia Municipale di Loiano, ne

 confermo la liceità ed il suo prosieguo per il futuro.

Distinti saluti.

 Il Responsabile della

 Polizia Municipale di Loiano

Pagine

Back to Top